set 05, 2023 - minuto di letturaminuti di lettura

Revisione delle ultime ricerche sulla connessione tra malattie infiammatorie intestinali e salute orale

Recenti studi sulla relazione tra malattia infiammatoria intestinale (IBD) e malattia parodontale hanno dimostrato che i pazienti con IBD affrontano anche un aumentato rischio di malattie parodontali.

In questa sede esamineremo questo legame per determinare come informare accuratamente i pazienti affetti da IBD sulla loro vulnerabilità alle malattie gengivali.

Argomento

I pazienti affetti da IBD (malattie infiammatorie intestinali) hanno un rischio maggiore di sviluppare parodontite perché queste malattie modificano il microbiota orale e i processi infiammatori.


Morbo di Crohn

  • Descrizione: La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria cronica del tratto gastrointestinale più comune in Europa occidentale e Nord America, dove colpisce da 100 a 300 persone per 100.000 – anche se sta diventando sempre più diffusa in tutto il mondo. Il picco di incidenza della malattia di Crohn si verifica nei pazienti di età compresa tra 15 e 25 anni, ma tutte le età sono colpite.
  • Effetto e sintomi: La condizione scatena una risposta immunitaria anomala che causa un eccesso di infiammazione nell'apparato digerente. Questa infiammazione si verifica più comunemente nelle pareti intestinali nella parte inferiore dell'intestino tenue e in porzioni dell'intestino crasso, ma può verificarsi in qualsiasi punto del sistema. I sintomi della CD possono manifestarsi e riacutizzarsi continuamente nel corso della vita del paziente e comprendono diarrea persistente, dolore e crampi addominali, perdita di appetito, perdita di peso e febbre. Il sanguinamento rettale è meno comune ma può verificarsi.
  • Causa: La causa della malattia di Crohn è attualmente sconosciuta. Ci sono oltre 100 marcatori genetici associati alla CD, rendendo estremamente difficile determinare esattamente come viene attivata. I geni implicati, tuttavia, suggeriscono che l'immunoreattività di un paziente ai batteri intestinali può essere una componente critica che determina il rischio di sviluppare la malattia. La suscettibilità genetica, i fattori ambientali come il fumo, i farmaci, la dieta e il microbiota intestinale alterato nel microbioma ospite stesso sono stati tutti correlati con un aumentato rischio di CD. Gli esperti attualmente ritengono che le interazioni tra i geni implicati dalla CD e l'ambiente del paziente possano facilitare lo sviluppo della CD danneggiando il rivestimento dell'intestino del paziente o perturbando in altro modo le loro difese immunitarie nell'attaccare i batteri intestinali.
  • Trattamento: Attualmente non esiste una cura per la malattia di Crohn. La condizione viene gestita utilizzando vari trattamenti per sopprimere l'iperattività del sistema immunitario intestinale.

Colite ulcerosa

  • Descrizione: La colite ulcerosa è una malattia infiammatoria cronica intestinale che colpisce il colon. È anche più comune in Nord America e in Europa occidentale, dove colpisce da 40 a 240 per 100.000 persone, ma la sua incidenza è in aumento in tutto il mondo. UC può svilupparsi a qualsiasi età, ma più comunemente si verifica in persone di età compresa tra 15 e 30.
  • Effetti e sintomi: la UC è caratterizzata da un'infiammazione anomala della superficie interna del retto e, occasionalmente, di parti del colon. I sintomi includono comunemente diarrea, passaggio di sangue, pus o muco nelle feci, perdita di peso e dolore addominale e crampi.
  • Causa: Non siamo sicuri di cosa causi esattamente l'UC, poiché gli scienziati hanno identificato variazioni in dozzine di geni che possono essere collegati alla malattia. Molti di questi geni sono associati alla funzione protettiva dell'intestino, il che porta i ricercatori a ipotizzare che l'UC possa essere innescato da una rottura della barriera tra batteri intestinali e tossine che passano attraverso il tratto digestivo.
  • Trattamento: Attualmente non esiste una cura per UC. Le attuali opzioni di trattamento si concentrano sullo smorzamento della risposta immunitaria dell'intestino crasso e sulla riduzione dell'infiammazione. Alcuni pazienti possono richiedere un intervento chirurgico di colectomia per trattare la neoplasia del colon o altre complicanze.
  • Differenze tra CD e UC

    Sebbene CD e UC condividano molti sintomi e fattori di rischio, ci sono diverse differenze chiave, in particolare dove si verificano:

    • CD può colpire qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, mentre UC colpisce solo l'intestino crasso.
    • La CD può coinvolgere fino a tutti e quattro gli strati della parete intestinale, mentre l'UC si verifica solo all'interno del rivestimento interno del colon.
    • La CD appare in "chiazze" lungo diverse parti della parete intestinale, mentre la UC colpisce una sezione continua dell'intestino. 

    IBD e salute orale: cinque risultati chiave

    Studi recenti hanno rivelato diverse importanti connessioni tra le malattie infiammatorie intestinali e il loro aumentato rischio di malattia parodontale, tra cui:

    1. Entrambe le forme di IBD sono associate a una maggiore prevalenza di malattia parodontale

    Uno studio del 2016 ha dimostrato che la patogenesi sia della CD che della UC è innescata da complicate interazioni tra il microbiota disbiotico nel paziente e la risposta immuno-infiammatoria. La malattia parodontale è risultata essere più prevalente nei pazienti con queste caratteristiche risposte IBD.

    2. IBD e malattia parodontale hanno diversi fattori di rischio in comune

    Diversi studi hanno dimostrato che le malattie IBD e parodontali hanno diversi fattori di rischio ambientali in comune, tra cui fumare tabacco, dieta, stress, disbiosi del microbioma, disfunzione generale del sistema immunitario e predisposizione genetica.

    3. Le IBD sono associate a un rischio significativamente più elevato di parodontite

    Una revisione sistematica del 2017 ha dimostrato che i pazienti con IBD avevano in modo affidabile un rischio molto più elevato di parodontite e cattiva salute orale rispetto ai pazienti senza IBD, sebbene questo studio non abbia stabilito un nesso causale diretto tra IBD e malattia parodontale.

    4. L'IBD altera il microbiota orale e i processi infiammatori, portando a questo aumento del rischio

    Un'altra revisione sistematica del 2021 ha ulteriormente chiarito la relazione tra IBD e parodontite, determinando che i pazienti con IBD hanno un aumentato rischio di sviluppare parodontite specificamente a causa delle modifiche innescate da IBD del loro microbiota orale e dei processi infiammatori. Fondamentalmente, questo studio non ha trovato prove che i pazienti con IBD siano a maggior rischio di complicanze durante le cure dentistiche di routine rispetto alla popolazione generale, sebbene i pazienti con IBD che assumono steroidi o altre terapie immunosoppressive come parte del loro trattamento possano avere un aumentato rischio di infezione come effetto collaterale.

    4. Gli scienziati hanno trovato una relazione tra malattia parodontale, IBD e livelli alterati di citochine nella saliva e nel liquido crevicolare gengivale

    Uno studio del 2022 ha dimostrato che sia le malattie parodontali che le IBD sono associate ad un aumento delle concentrazioni di alcune citochine nella saliva e nel liquido crevicolare gengivale. Questi risultati significano che IL-1β potrebbe essere una citochina infiammatoria chiave per comprendere la gravità dell'infiammazione gengivale innescata da UC e CD. Inoltre, la citochina salivare IL-17A potrebbe essere un potenziale biomarcatore per capire come la UC potrebbe aumentare la gravità della malattia parodontale.


Articoli correlati