giu 04, 2023 - minuto di letturaminuti di lettura

Progressione della malattia parodontale: un'interazione tra accumulo di placca e risposta immunitaria dell'ospite

Non esistono due corpi umani esattamente uguali. Per gli operatori del settore medico, questo può creare delle difficoltà nel prevedere e trattare i problemi di salute in modo uniforme.

Argomento

Un interessante punto di attenzione per i professionisti del settore dentale è lo sviluppo delle tasche parodontali e il loro ruolo nel rapporto tra ospite e agente patogeno.

L'accumulo di placca può essere il principale responsabile nel caso di un paziente, mentre uno stile di vita scorretto combinato con una predisposizione genetica può prevalere su una cura orale efficace in un altro.

Così come possono variare i fattori causali, può variare anche il decorso della parodontite, che varia da paziente a paziente e spesso tende a seguire una progressione non lineare, come tipicamente accade per le malattie infiammatorie croniche.


La malattia parodontale è un buon esempio. Mentre possiamo concludere in modo affidabile che quasi chiunque abbia accumulo incontrollato di placca svilupperà una risposta infiammatoria, il successivo decorso clinico può variare selvaggiamente, da lievi gengiviti a stati molto più gravi di parodontite.

In che modo i professionisti dentali dovrebbero navigare in questa incertezza fornendo al contempo la migliore guida e trattamento possibile per i loro pazienti? Rivedere alcune delle ultime ricerche e analisi sull'argomento può offrire una visione potente.

Diamo uno sguardo più approfondito alla fisiopatologia della malattia parodontale e come guidare i pazienti lontano da un temuto scenario di "catastrofe ecologica".

Eziologia della parodontite: una condizione multicausale

È opinione comune che esistano cinque fattori causali distinti nell'eziologia della malattia parodontale:

Il livello relativo di contributo di questi fattori può variare notevolmente a seconda dell'individuo. L'accumulo di placca può essere il principale responsabile nel caso di un paziente, mentre uno stile di vita scorretto combinato con una predisposizione genetica può prevalere su una cura orale efficace nel caso di un altro.

Così come possono variare i fattori causali, può variare anche il decorso della parodontite, che varia da paziente a paziente e spesso tende a seguire una progressione non lineare, come tipicamente accade per le malattie infiammatorie croniche. 

"La non linearità nei sistemi complessi significa che le cause e gli effetti sono sproporzionati, per cui una causa piccola può determinare un effetto grande o una causa grande può determinare un effetto piccolo", spiegano Loos & van Dyke, 2020, "e che il tasso di progressione della malattia fluttua, o meglio, può passare da uno stato all'altro e viceversa". (In altre parole, da uno stato omeostatico a uno attivo).

Un punto di interesse per gli odontoiatri è lo sviluppo delle tasche parodontali e il loro ruolo nel rapporto tra ospite e patogeno.



Tasche parodontali ed evitare il circolo vizioso

Una revisione di Murakami et al. nel 2018 ha proposto revisioni del sistema di classificazione esistente per le malattie gengivali, al fine di sottolineare con maggiore forza l'importanza di controllare l'infiammazione gengivale come difesa primaria contro la parodontite.

Le tasche parodontali, che si formano attraverso la distruzione dei tessuti derivanti da risposte infiammatorie ai patogeni nella placca, sono più suscettibili a un ulteriore accumulo di placca, presentando un punto di rischio che dovrebbe essere evidente a qualsiasi professionista.

Nel frattempo, come studiato da Loos & van Dyke, comprendiamo che durante il processo di accumulo della placca, la risposta immunitaria dell'ospite e i biofilm possono passare dalla simbiosi (equilibrio microbico sano) alla disbiosi (squilibrio). In quest'ultimo stato, il biofilm diventa più patogeno e quindi induce una risposta infiammatoria ancora più forte.

Nell'immagine qui sotto, dall'articolo di Loos & van Dyke, vediamo quello che hanno descritto come un circolo vizioso di "catastrofe ecologica" derivante da questa interazione. 


Il circolo vizioso della "catastrofe ecologica" guidato da una risposta aberrante dell'ospite nella parodontite.

(Fonte: Loos & van Dyke, 2020)


Inutile dire che è fondamentale evitare questo scenario con i pazienti. Naturalmente, si può controllare solo ciò che si può controllare. La risposta immunitaria dell'ospite dipende dalla genetica e dall'epigenetica, il che significa che alcuni gruppi di persone sono naturalmente più suscettibili di altri.

La genetica non può essere sfruttata come fattore di rischio e i dentisti hanno un controllo limitato o nullo su altri fattori causali... ad eccezione del controllo della placca. È qui che la cura interventistica del cavo orale può avere un impatto cruciale: evitare questa "catastrofe ecologica" è un potente stimolo per il rafforzamento della motivazione.

Affrontare la gengivite attraverso un intervento proattivo

L'accumulo di placca dentale porta all'infiammazione gengivale, cosa che la maggior parte dei pazienti comprende. Ma molti meno sono consapevoli della progressione della malattia che si auto-perpetua una volta che si sviluppano l'infiammazione e le potenziali tasche parodontali.

"Va notato che non tutti i siti infiammatori sono destinati a progredire verso la parodontite", hanno sottolineato Murakami et al.. "Ad oggi, tuttavia, nessuna evidenza scientifica ci permette di diagnosticare quali siti gengivali sono suscettibili di progredire verso la parodontite. Pertanto, per prevenire la perdita di attacco e la distruzione del tessuto parodontale, è ancora essenziale trattare la gengivite con un intervento terapeutico locale appropriato".

"In futuro", hanno aggiunto, "le condizioni gengivali potranno essere diagnosticate con approcci analitici oggettivi, come la caratterizzazione del trascrittoma e/o la categorizzazione dei cambiamenti epigenetici".


Articoli correlati