mag 24, 2023 - minuto di letturaminuti di lettura

L'importanza dell'igiene orale domiciliare nella prevenzione della mucosite e della perimplantite

Gli impianti dentali hanno avuto e hanno tuttora una crescente popolarità come alternativa alle protesi e ai ponti dentali per la sostituzione di denti mancanti o danneggiati. Tuttavia, con essi è arrivata una malattia che oggi imperversa: la perimplantite.

Argomento

SUNSTAR ha recentemente ospitato un webinar nella serie Let's Talk Oral Health che affronta le preoccupazioni relative alla malattia perimplantare e agli esiti a lungo termine dei pazienti dopo aver ricevuto gli impianti.  




La malattia parodontale e la perimplantite sono due presentazioni della stessa risposta infiammatoria all'accumulo di batteri.

Come esaminare il ruolo dell'educazione del paziente nella cura preventiva del cavo orale a casa dopo l'inserimento di un impianto?

I professionisti del settore dentale devono descrivere in dettaglio la procedura corretta per l'igiene orale domiciliare, al fine di evitare che i pazienti sviluppino malattie peri-implantari, stabilendo rituali di igiene orale e trattamenti alla poltrona.


Mucosite perimplantare vs. perimplantite

Sia la mucosite perimplantare che la perimplantite sono causate da un accumulo di placca e agenti patogeni sulla superficie dell'impianto e dalla risposta del sistema immunitario dell'ospite a questi agenti patogeni.

Ci sono distinzioni tra le due condizioni.

La mucosite perimplantare causa una lesione infiammatoria nella gengiva intorno all'impianto dentale. Durante un esame, questa condizione è caratterizzata da sanguinamento al sondaggio delicato e/o suppurazione con o senza aumento della profondità di sondaggio rispetto agli esami precedenti. Con una corretta cura dentale, questa condizione è reversibile. In questo senso, è paragonabile alla gengivite.

Oltre alle caratteristiche della mucosite, la perimplantite interessa anche l'osso, con la presenza di una perdita ossea oltre le modifiche del livello osseo crestale derivanti dal rimodellamento osseo iniziale. In assenza di dati di esami precedenti, la peri-implantite è indicata dalla presenza di sanguinamento e/o suppurazione al sondaggio delicato, profondità di sondaggio di 6 mm o più e livelli ossei di almeno 3 mm (apicali della porzione più coronale della parte intraossea dell'impianto). La malattia parodontale e la perimplantite sono due presentazioni della stessa risposta infiammatoria all'accumulo di batteri.

Sebbene la perimplantite intorno agli impianti sia la controparte della parodontite intorno ai denti, esistono differenze significative (Nibali et al, 2022).

La perimplantite progredisce tipicamente più velocemente della parodontite, producendo una "risposta ospite locale potenziata e sovraregolata" alle lesioni attraverso la produzione di più plasmacellule, macrofagi e neutrofili rispetto alle lesioni parodontitiche. Le lesioni perimplantiti sono spesso molto più grandi di quelle coinvolte nella parodontite. Inoltre, le lesioni da mucosite possono progredire in perimplantite prima delle lesioni intorno ai denti (Nibali et al, 2022).

Fattori di rischio per lo sviluppo di perimplantite

I pazienti con una storia di malattia parodontale sono a maggior rischio di sviluppare perimplantite. Infatti, il tasso di fallimento degli impianti è raddoppiato nei pazienti con una storia di parodontite. Di conseguenza, è fondamentale trattare e stabilizzare la parodontite prima di impegnarsi in qualsiasi trattamento implantare per evitare complicazioni o fallimenti. Educare i pazienti sul rischio e, cosa più importante, istruire adeguate tecniche di igiene orale domiciliare sono passi cruciali nella sopravvivenza a lungo termine degli impianti.

Il fumo è un altro fattore di rischio significativo per i pazienti implantari.


Casado et al, 2019 hanno scoperto che "i pazienti che erano fumatori al momento della chirurgia implantare avevano un tasso di fallimento dell'impianto significativamente più alto (23,08%) rispetto ai non fumatori (13,33%)".

Una revisione sistemica condotta da Naujokat et al, 2016 indica che i pazienti con condizioni sistemiche, come il diabete mellito mal gestito, possono avere un aumentato rischio di sviluppare malattie perimplantari.


Trattamento di mucosite e perimplantite

Oltre il 20% dei riceventi di impianti sviluppa perimplantite. Al fine di evitare di sviluppare questa condizione molto più grave, i professionisti dentali dovrebbero lavorare a stretto contatto con i loro pazienti al primo segno di mucosite per fermare la progressione e stabilire adeguati rituali di igiene orale e trattamenti alla poltrona. 

Il trattamento per le malattie perimplantari comporta la rimozione dell'accumulo di agenti patogeni dannosi che innescano la risposta infiammatoria del corpo.

Gli igienisti dentali sono la prima linea di difesa per rilevare e trattare la mucosite. Il trattamento prevede la rimozione del biofilm dalle superfici dell'impianto utilizzando strumenti che causano un'alterazione minima della superficie dell'impianto, come curette, spazzole rotanti, lucidatrici e strumenti ad ultrasuoni.

L'igienista dovrebbe quindi istruire il paziente sulle tecniche di cura adeguate per aiutare nella guarigione della mucosite e nella prevenzione dello sviluppo futuro.

Nella maggior parte dei casi, è necessario un intervento chirurgico per arrestare e invertire la progressione della perimplantite.

I trattamenti chirurgici possono includere

  • Chirurgia del lembo di accesso: Apertura delle gengive per accedere all'impianto per lo sbrigliamento completo.
  • Chirurgia resettiva: Rimozione di sporgenze ossee e appiattimenti delle irregolarità ossee intorno all'impianto.
  • Implantoplastica: Levigatura delle superfici dell'impianto, comprese le filettature delle viti, per ridurre la superficie a cui il biofilm si aggrappa.
  • Chirurgia ricostruttiva: L'innesto di ossa e tessuti per ricostruire la struttura perduta.

Spesso questi trattamenti vengono utilizzati in combinazione tra loro per soddisfare al meglio le esigenze dei pazienti.

Prevenzione di mucosite e perimplantite

Poiché il consenso terapeutico non è solido e le modalità di trattamento complesse, il caso ottimale per i pazienti implantari rimane la prevenzione di queste malattie.

Quando si tratta di malattie parodontali, evitare l'accumulo di placca attraverso una corretta igiene orale è il fattore chiave per prevenire le malattie perimplantari. I professionisti dell'igiene orale dovrebbero fornire regolarmente e ripetutamente la giusta tecnica per pulire denti e impianti e dimostrare l'uso di strumenti appropriati per ottenere una rimozione ottimale della placca. Lavorando con il paziente, l'igienista o il dentista possono sviluppare un piano di cura che funzioni con le loro esigenze specifiche, compresi strumenti a casa come filo interdentale, filo interdentale, collutori, spazzolino elettrico / manuale, scovolini interdentali o altri strumenti progettati per stimolare le gengive.

I dentisti dovrebbero anche considerare il metodo primario di prevenzione che, secondo la Guida al trattamento ITI, si ottiene con le 5P attraverso una corretta valutazione, posizionamento e assistenza post-trattamento a lungo termine del paziente.

1. Pianificazione

Valutare lo stato dei denti e delle gengive prima del posizionamento degli impianti, come il volume della mucosa cheratinizzata e lo spazio occlusale e mesio-distale, per determinare l'eventuale necessità di un ulteriore intervento chirurgico o terapia ortodontica.

2. Preparazione

Assicurarsi che il paziente comprenda tutti i fattori e gli indicatori di rischio, come il fumo, il diabete e i farmaci che potrebbero assumere. Questo è anche un buon momento per rafforzare una corretta igiene per combattere la malattia parodontale esistente e prevenire eventi futuri.

3. Posizionamento

Posizionare l'impianto o gli impianti seguendo tecniche chirurgiche appropriate.

4. Protesi

La progettazione della protesi deve consentire la pulizia quotidiana da parte del paziente. Le protesi avvitate possono essere raccomandate per evitare l'eccesso di cemento. È necessario affrontare gli abutment allentati e le forze occlusali pesanti.

5. Profilassi

Rafforzare una buona igiene orale e l'importanza della pulizia professionale delle superfici implantari ogni tre-sei mesi.


Articoli correlati