mar 01, 2023 - minuto di letturaminuti di lettura

Revisione della ricerca Intorno ai batteri orali e al cancro del colon-retto

Definito come un cancro del colon, del retto o dell'intestino, il cancro del colon-retto (CRC) è uno dei tumori più diffusi.

Argomento

La comunità medica ha prestato grande attenzione al fatto che alcuni batteri possono dare una mano al cancro, favorendo la sopravvivenza e la crescita dei tumori.
La ricerca ha dimostrato che il batterio orale Fusobacterium nucleatum, che svolge un ruolo nella malattia parodontale, può essere un fattore di rischio per i tumori del colon, del retto e dell'intestino.
La comunicazione degli impatti più ampi della salute orale sulla salute dell'organismo fa parte della comunicazione con i pazienti per far capire loro l'importanza della cura orale domiciliare.


La prevalenza e la gravità di questa malattia significa che è qualcosa di cui le persone di tutto il mondo devono essere consapevoli, e la ricerca sulla sua relazione con uno specifico batterio orale significa che anche i professionisti del settore dentale dovrebbero tenerla sotto controllo.

La relazione tra microbiota orale e intestino

Oltre a questo, c'è un punto critico che gli odontoiatri devono far capire ai loro pazienti: il microbioma orale è un fattore chiave per la salute orale e sistemica. Siamo nel bel mezzo di una rivoluzione nel mondo della medicina, in quanto i ricercatori stanno acquisendo una migliore comprensione di questa relazione e di come possa migliorare le cure, compreso l'uso della saliva come fonte di biomarcatori e di interessanti applicazioni per il trattamento adiuvante.



È noto che esistono legami tra il microbioma orale e l'intestino, nonché l'apparato digerente in generale. Non c'è alcun mistero dietro questa connessione, il cosiddetto asse microbioma orale-intestino, date le funzioni biologiche interconnesse e intrecciate e la continuità anatomica.
Una delle più importanti connessioni specifiche tra la salute del cavo orale e dell'intestino studiate dalla ricerca moderna è quella tra il Fusobacterium nucleatum, un batterio orale commensale noto anche per il suo ruolo nella parodontite, e il cancro del colon-retto.
La sintesi è che la ricerca ha ripetutamente dimostrato un arricchimento di F. nucleatum (Fn) nelle persone affette da cancro del colon-retto, portando alla conclusione, ben supportata, che questo batterio orale può essere un fattore di rischio per i tumori del colon, del retto e dell'intestino.
Ecco una rapida panoramica di studi e analisi recenti su questa relazione e sui suoi meccanismi.

Nuove ricerche su F. nucleatum e cancro del colon-retto

Per molti anni, i ricercatori hanno riconosciuto e studiato la notevole abbondanza di Fn nella mucosa del colon e negli adenomi, ad esempio Kostic et al, 2012 e McCoy et al, 2013. Ricerche più recenti hanno rafforzato questa osservazione, portando anche alla luce ulteriori dettagli sul ruolo dell'infiammazione della mucosa in questo processo.

Nel tentativo di comprendere, trattare e prevenire meglio il cancro, la comunità medica ha prestato grande attenzione a come alcuni batteri possano dare una mano al cancro, promuovendo la sopravvivenza e la crescita dei tumori.

Una revisione sistematica del microbiota orale dei pazienti affetti da cancro dell'apparato digerente nel 2021 ha rilevato che,

"Nella maggior parte degli studi, la composizione del microbiota orale è risultata diversa tra i pazienti affetti da cancro digestivo e i controlli. In particolare, la disbiosi del microbiota orale e batteri specifici, come Fusobacterium nucleatum e Porphyromonas gingivalis, sembravano essere associati ai tumori del colon-retto".
Potrebbe trattarsi di qualcosa di più. La ricerca di Wang et al. nel 2021 ha proposto che il ruolo percepito del Fn nel cancro del colon-retto passi dall'associazione alla causalità, evidenziando i meccanismi con cui il F. nucleatum partecipa alla progressione del CRC, alle metastasi e alla chemioresistenza influenzando le cellule tumorali o regolando il microambiente tumorale. Già dieci anni fa, Rubinstein et al. (2013) hanno dimostrato l'adesione e la penetrazione di F. nucleatum nella mucosa del colon. Di conseguenza, innesca una sovraregolazione delle risposte infiammatorie e stimola il rilascio di fattori di crescita che a loro volta stimolano la proliferazione delle cellule tumorali del colon-retto.
Recentemente, nel novembre del 2022, sono stati pubblicati diversi documenti del Fred Hutchinson Research Center che fanno ulteriore luce su questi meccanismi e sul loro funzionamento.

"Hanno appreso che alcune regioni tumorali sono fortemente colonizzate dai batteri e differiscono dal punto di vista funzionale dalle regioni che non ospitano i batteri", spiega il comitato scientifico. "Combinando le osservazioni sui tumori con gli esperimenti di laboratorio e gli schermi di farmaci a piccole molecole, è emerso che F.nucleatum può modellare le condizioni dei tumori per tenerli al sicuro dall'attacco immunitario e aiutarli a diffondersi nell'organismo".

Dato che la Fn è presente nelle malattie parodontali, è facile capire perché i professionisti del settore dentale dovrebbero interessarsi a questa ricerca e alle sue implicazioni. Infatti, come conclude l'articolo citato: "I microbi tradizionalmente associati alle malattie infiammatorie orali si trovano in associazione con i tumori extra-orali e gastrointestinali, il che evidenzia come la cavità orale sia un terreno di coltura per gli onco-microbi patogeni". Secondo i ricercatori, è possibile che l'infiammazione della bocca, sotto forma di malattia parodontale o endodontica, stia selezionando e incoraggiando la crescita di batteri che crescono in condizioni avverse e sono in grado di eludere l'attacco immunitario".

Comunicare con i pazienti dentali sul cancro del colon-retto

La best practice che raccomandiamo agli odontoiatri che vogliono promuovere una solida igiene orale domestica è quella di essere chiari e trasparenti sugli impatti più ampi della salute orale, senza essere eccessivamente pessimisti o temerari.
Questo è un ottimo esempio di opportunità per farlo. Esprimete i fatti e i risultati della ricerca per comunicare la chiara relazione tra F. nucleatum, un batterio che tende a prosperare in condizioni di scarsa igiene orale, e uno dei tumori più comuni al mondo. Questo messaggio potrebbe essere particolarmente convincente per chi ha una storia familiare o un'esperienza personale di CRC.
Se desiderate una risorsa da condividere con i vostri pazienti, abbiamo creato un'utile guida semplificata al microbioma orale, pensata per rendere digeribili a tutti le sue complicate dinamiche scientifiche (non è un gioco di parole).




#Connessione salute e igiene orale #Cambiamento comportamentale #Educazione del paziente

Articoli correlati