Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Internazionale
  • Belgio
  • Germania
  • Danimarca
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Norvegia
  • Polonia
  • Svezia
Igienista in azione su paziente nello studio dentistico

Sensibilità ai denti: fatti, statistiche e nuove ricerche per i professionisti dentali

L'ipersensibilità dentinale è stata definita come "dolore derivato dalla dentina esposta in risposta a stimoli chimici, termici, tattili o osmotici che non possono essere spiegati come derivanti da altri difetti dentali o malattie" [1].

Spesso diagnosticata come ipersensibilità dentinale, la sensibilità dei denti continua ad essere una delle preoccupazioni più vocali dei pazienti dentali. Spesso lamentano dolore quando mangiano o bevono cibi caldi o freddi o segnalano sensibilità quando respirano attraverso la bocca. Colpisce individui di tutte le età e considerazioni sulla salute - anche quelli con denti altrimenti perfetti.

Secondo recenti ricerche, la prevalenza dell'ipersensibilità dentinale tra gli adulti può raggiungere l'11,5% [2] e può essere ancora più alta quando si fattorizza in casi non diagnosticati. Poiché il dolore è soggettivo e ogni persona è unica, ci sono tecniche e prodotti di gestione [3] specificamente mirati per individui con denti sensibili. Esploreremo lo stato attuale dei fatti, delle statistiche e delle nuove ricerche sulla sensibilità dei denti di seguito.

Sintomi di sensibilità dei denti

Arrivare alla radice dei problemi di sensibilità dei denti può essere una sfida per i professionisti dentali. I pazienti potrebbero lamentarsi di sensibilità quando discutono di problemi di salute orale, o potrebbero esserci segni durante una pulizia che induranno l'igienista a sondare le domande dei denti sensibili. I sintomi comuni generalmente includono:

  • Dolore spontaneo ai denti
  • Sensibilità localizzata a uno o più denti adiacenti
  • Forte dolore quando esposto a caldo e freddo
  • Dolore durante il morso o la masticazione
  • Avversione ai risciacqui a base alcolica
  • Dolore quando si respira attraverso i denti
Icona dente sensibile

Diagnosi dell'ipersensibilità dentina

Contro uno di questi sintomi, qualsiasi livello di sensibilità richiede un'indagine, utilizzando una classica scala del dolore come un VAS (scala analogica visiva). Un igienista / dentista può eseguire controlli a campione sui denti sensibili durante la consultazione o durante una pulizia. In ogni caso, la dentina esposta deve essere annotata nelle carte dei pazienti e incorporata in un regime di igiene e cura in corso.

Il professionista dentale dovrà anche porre una diagnosi differenziale per differenziare il dolore causato dall'ipersensibilità dentinica da altri tipi di dolore causato da pulpite, frattura, restauri inadeguati o sbiancamento, per esempio. Esami clinici e radiografici con test diagnostici (come palpazione, test di vitalità, transilluminazione, controllo occlusale, controllo dei restauri, ecc.) possono essere utili per escludere le altre ipotesi. La diagnosi differenziale e la determinazione dell'eziologia sono fondamentali nella scelta del trattamento e nel suo successo.

Uno studio sulla gestione efficace dei denti sensibili [4] pubblicato nel 2017 esplora metodi efficaci di diagnosi e sensibilità qualificante. I risultati dello studio concludono che un approccio sfaccettato alla diagnosi è il migliore per distinguere la sensibilità dall'ipersensibilità. Il novantanove per cento dei dentisti ha utilizzato una combinazione dei seguenti metodi:

  • Esame clinico (48%)
  • Applicazione di un'esplosione d'aria (26%)
  • Applicazione di acqua fredda (12%)
  • Segnalazione orale del paziente dopo la domanda del dentista (6%)

Cause della sensibilità dei denti e dell'ipersensibilità dentina

Dopo la qualifica della sensibilità dei denti, lo stesso studio [5] ha esaminato i fattori di predisposizione, i primi tre dei quali erano:

  • Recessione gengivale - 66%
  • Abrasione, erosione, lesioni da abfrazione/logoramento - 59%
  • Bruxismo - 32%

I sintomi emergono tipicamente come risultato dell'usura o della perdita dello smalto che espone i tubuli dentinali. È il movimento del fluido all'interno dei tubuli, provocato dal caldo o dal freddo o da altri stimoli, che crea stimoli osmotici che vengono trasmessi ai nervi pulpali provocando il dolore. Questa teoria idrodinamica [6] è la più pervasiva.

  • La recessione gengivale o parodontite più generalizzata, anche se trattata, può portare all'esposizione alla radice: il cemento, che è più fragile dello smalto, svanirà rapidamente, esponendo così la dentina sottostante.
  • I motivi dello smalto danneggiato o diminuito a causa di logoramento, abrasione, erosione e abfrazione, l'esposizione dei tubuli dentinali possono includere una tecnica di spazzolatura inappropriata (spazzolatura orizzontale, pressione eccessiva) o strumenti (setole medie o dure dello spazzolino da denti o dentifrici abrasivi). Le lesioni cervicali non cariose (NCCL) possono quindi apparire nell'area del buccale cervicale: queste NCCL hanno un aspetto logoro e liscio e possono essere poco profonde o molto profonde (come un cuneo verso la dentina). Possono essere brunastri a causa della dentina reazionaria. A parte la menomazione estetica, possono essere molto sensibili.
Le gengive infiammate possono diventare malattie gengivali

Anche il cibo acido o le bevande possono causare l'usura dello smalto. Discutere le abitudini alimentari e di pulizia con i pazienti per scoprire possibili cause. A volte una semplice misura potrebbe essere utile, come raccomandare al paziente di risciacquare con acqua dopo un'assunzione acida. Infatti, uno studio del 2012 [7] mostra che monitorare l'assunzione acida di cibo e mantenere una solida routine orale può essere efficace nel trattare l'usura dello smalto a causa della dieta.

A volte, l'attacco acido può essere collegato a un'altra malattia più generale come la bulimia o altri disturbi alimentari, poiché il vomito di proposito può mettere i denti a contatto con liquido gastrico acido. Queste lesioni erosive che scoprono la dentina sono tuttavia per lo più sul lato palatale dei denti. È quindi importante indagare le condizioni mediche del paziente e le abitudini comportamentali, dietetiche e di spazzolatura del paziente.

  • Il bruxismo provoca l'usura dello smalto con la macinazione, la scollatura o la spinta eccessiva e spesso involontaria dei denti, quindi piuttosto sull'aspetto occlusale di essi. Nei casi di bruxismo grave, può essere necessario incoronare denti appiattiti per proteggere la polpa. A causa del carico occlusale pesante e delle forze, può anche essere responsabile di lesioni da abfrazione [8], che è dove lo smalto cervicale e la dentina "si staccano" sotto la flessione dei denti, provocando così l'ipersensibilità dentinale.

Poiché la sensibilità dei denti continua ad essere un problema così pervasivo e diffuso per i pazienti, la ricerca di una gestione efficace è in corso. Negli ultimi cinque anni, diversi studi clinici e nuovi studi sono serviti ad ampliare la nostra comprensione non solo della sensibilità dei denti, ma anche dei modi più efficaci per gestirla e alleviarla.

Trattamenti per la sensibilità dei denti

I trattamenti più comuni per la sensibilità generale dei denti e l'ipersensibilità dentina sono i rimedi casalinghi. In genere, comporta l'incorporazione di uno o più dei seguenti elementi in un regime giornaliero di assistenza orale:

  • Rivalutazione delle corrette tecniche e strumenti di spazzolatura: la tecnica del rotolo, ad esempio, e uno spazzolino a setole morbide
  • Desensibilizzanti nei dentifrici da prescrizione e nei risciacqui senza alcool (ad alto contenuto di fluoruro o di altre molecole come potassio o stronzio, desensibilizzando o occludendo i tubuli dentinali)

Attraverso una corretta spazzolatura e l'uso di prodotti da banco, la maggior parte dei pazienti con sensibilità ai denti vede una riduzione del livello di sensibilità, se non una risoluzione completa.

Per coloro che hanno ipersensibilità dentinale più grave, possono essere necessarie ulteriori procedure sul lato della sedia. Questi includono protezioni fluorurate, incollaggio e sigillatura di aree sensibili (adesivi, vernici al fluoro). Ci sono anche studi emergenti sull'uso di agenti di remineralizzazione come parte dei piani di gestione in corso per denti sensibili. Uno di questi studi prodotti nel 2020 [9] dimostra infatti che il calcio fosfopeptide-amorfo della caseina (CPP-ACP) migliora la rimineralizzazione. Per inciso, mostra anche che CPP-ACP ha proprietà antimicrobiche e riduce il biofilm batterico fino al 39% inibendo i batteri cattivi (S. mutans) promuovendo al contempo batteri buoni (S. gordonii).

Nelle lesioni più profonde e nell'ipersensibilità dentale non attenuante, può essere necessario il riempimento con un ionomero di vetro o resina composita, o anche la chirurgia muco-gengivale (come il lembo avanzato coronally e / o l'innesto di tessuto connettivo in caso di recessioni gengivali).

Oggi sappiamo più che mai perché si verifica la sensibilità dei denti, quali effetti ha sulla salute orale e come trattarla, anche se continuano a emergere nuove informazioni.

3 passaggi per una buona routine di cura orale: spazzola, pulizia interdentale, collutorio

Suggerimenti e script per l'educazione dei pazienti

Come sempre, la chiave per aiutare i pazienti a superare la sensibilità dei denti e tutti i catalizzatori sottostanti è l'educazione. I pazienti devono capire quando la sensibilità dei denti è normale e quando è un problema. Spetta ai professionisti dentali fornire ai pazienti informazioni personalizzate sulla loro sensibilità unica.

È localizzato a uno o due denti o è una preoccupazione generale? Qual è il catalizzatore specifico dietro la loro sensibilità? Gengivite? Periodontitis? Bruxismo? Dente incrinato? Contestualizzare la sensibilità per ogni paziente prima di raccomandare soluzioni.

Appoggiati alla ricerca attuale quando offri una raccomandazione. Fornire risorse chiare, utilizzabili e informative per le informazioni sui pazienti. Queste dovrebbero essere risorse rivolte ai consumatori come le seguenti:

Per i pazienti in cerca di prodotti in grado di fornire sollievo, prendere in considerazione la possibilità di raccomandare il nostro GUM SensiVital® dentifricio o gum sensivital collutorio. I dati di un sondaggio sull'esperienza utente mostrano che l'86% delle persone che usano il collutorio segnala un alleviamento a lungo termine dalla sensibilità dei denti e il 70% delle persone che hanno provato il dentifricio segnalano un'immediata alleviamento dalla sensibilità dei denti.

Poiché la sensibilità dei denti continua ad essere una delle principali preoccupazioni tra i pazienti e i loro dentisti, rimanere attuali sulla ricerca e sull'informazione emergenti è fondamentale. Continua a controllare con noi ulteriori informazioni e risorse aggiornate su denti sensibili, ipersensibilità dentina e prodotti e pratiche utilizzati per gestirli.