Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Internazionale
  • Belgio
  • Germania
  • Danimarca
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Norvegia
  • Polonia
  • Svezia
Uomo con alito cattivo

Alitosi: definizione e cause

L'alitosi (dal latino halitus, respiro) è una condizione in cui il respiro ha un odore sgradevole particolarmente evidente che emana non solo dalla bocca, ma anche dalla cavità nasale. In letteratura troviamo le seguenti definizioni: "una condizione di salute orale caratterizzata da odori sgradevoli che emanano costantemente dal cavo orale" [1] e "termine generale impiegato per descrivere qualsiasi odore sgradevole del respiro, indipendentemente dalla sua origine" [2].

 

Alitosi fisiologica e patologica

Occorre operare una distinzione tra i diversi tipi di alitosi esistenti.

La vera alitosi, in cui è dimostrato che esista un alito oggettivamente cattivo, si divide in alitosi fisiologica e patologica.

L'alitosi fisiologica non è causata da una malattia specifica, ma piuttosto da elementi presenti nella regione dorsale della lingua. L'alitosi patologica d'altra parte è spesso causata da sanguinamento e malattie gastroesofagee, processi patologici nella cavità orale o disfunzione dei tessuti orali.

Aydin & Harvey-Woodworth hanno proposto una nuova classificazione dell'alitosi nel 2014: sostenevano che molte delle definizioni esistenti fossero inadeguate, in quanto ignoravano la potenziale emanazione di odori attraverso la bocca e il naso dai tratti respiratori e gastroesofagei, il trasferimento di sostanze volatili dal sangue al respiro durante lo scambio di gas alveolare e l'auto-percezione dell'alitosi da parte del paziente [3].

Il respiro può presentare elementi volatili, originatisi nel cavo orale o altrove. Aydin & Harvey-Woodworth hanno deciso di delineare un criterio preciso che distingua tra normale e fisiologico odore del respiro e l'alitosi patologica. Hanno classificato l'alitosi in 5 tipologie principali (Fig.) che rappresentano diversi meccanismi di sviluppo dell'odore, che possono essere presenti in qualsiasi combinazione in qualsiasi momento.

Potenzialmente, ogni tipo di alitosi patologica (Tipo 1-5) è sovrapposto all'odore fisiologico (Tipo 0). L'alitosi patologica è la somma di tutte queste fonti, così come dei loro rispettivi contributi fisiologici sottostanti.

 

Pseudo-alitosi e alitofobia

La pseudo-alitosi si verifica quando l'alito cattivo viene percepito esclusivamente dal paziente, ma non è misurabile e non viene notato dagli altri.

L'alitofobia è una forma estrema di pseudo-alitosi. Un paziente che soffre di alitofobia continua a ritenere che il suo alito cattivo sia reale e non immaginario, anche dopo un'estesa diagnostica che confuta questo aspetto. L'alitofobia è classificata come un disturbo ossessivo-compulsivo psicologico. Uno studio dell'Università di Lovanio ha dimostrato che quasi il 16% dei 2.000 partecipanti allo studio soffriva di pseudo-alitosi o addirittura alitofobia [4].

Sunstar GUM - Alitosi: definizione e cause

Prevalenza di alitosi

Poiché le informazioni sulla frequenza dell'alitosi sono soggettive, è difficile fare dichiarazioni certe sulla sua effettiva prevalenza.

Tuttavia, vari studi indicano che l'alitosi sembra essere una condizione diffusa: Seemann [5] ha scoperto che l'alitosi si verifica in circa il 25% della popolazione mondiale, indipendentemente dal background culturale. In uno studio statunitense, ben il 43% degli over 60 ha riferito di soffrire di alitosi ricorrente [6] indicando che le persone anziane sono più colpite delle persone più giovani.

Una revisione sistematica molto recente (2018) ha rilevato che la prevalenza combinata dell'alitosi è stata del 31,8% (95% CI 24,6-39,0%), indicando che circa un terzo della popolazione soffre di questa condizione [7].

 

Cause di alitosi

Nella maggior parte dei casi, l'alitosi ha origine nel cavo orale (93%) [8]. In particolare, ciò sarebbe dovuto principalmente all'attività metabolica dei batteri orali, che emetteno gas maleodoranti sulla lingua e sotto il bordo gengivale [9].

Alcuni esperimenti lo confermano: studi in vitro di colture pure o miste di saliva, placca o placca linguale, indicano che molti batteri orali producono composti volatili di zolfo (VSC), acidi grassi a catena corta e cadaverina - tutti componenti che si trovano nell'aria esalata e che svolgono un ruolo nel determinarne l'odore [10]. Il biofilm sulla lingua in particolare contiene molti di questi microrganismi, che convertono i vari substrati alimentari (come gli amminoacidi) in composti volatili altamente complessiobesi [11].

La placca linguale può quindi essere annoverata tra le cause più comuni di alitosi (51%); i pazienti con tasche parodontali profonde (> 4mm) hanno più rivestimento sulla lingua e sono quindi maggiormente a rischio di sviluppare alitosi.

Tra le altre cause orali dell'alitosi annoveriamo: la parodontite (17%), la gengivite (15%) o altre malattie orali (17%), mentre le cause laringoiatriche e gastrointestinali sono responsabili solo del 7% dei casi [12].

In sintesi, i cambiamenti nel microbiota orale hanno chiare ripercussioni sotto forma di alitosi, dal momento che condizioni legate alla scarsa igiene dentale (come la placca linguale, la gengivite e la parodontite) sono chiaramente responsabili di circa l'83% dei casi.

L'alitosi è quindi senza dubbio e principalmente una questione da affrontare in ambito odontoiatrico.

 

 

[5] Seemann R: Halitosis – ein multikausales Problem. Eanztliche Mitteilungen 89 (1999), 1794-1796.

Loesche WJ, Grossman N, Dominguez L, Schork MA. Maldour orale negli anziani. In: Van Steenberghe D, Rosenberg M (Eds.) Bad Breath. Un approccio multidisciplinare. Los angeles: University Press 1996.

[11] Tonzetich, Joseph. Produzione e origine del malodour orale: una revisione dei meccanismi e dei metodi di analisi. Giornale di parodontologia 48.1 (1977): 13-20.