mar 16, 2022 - minuto di letturaminuti di lettura

Perché più professionisti stanno abbracciando l'odontoiatria minimamente invasiva

Le procedure invasive sono comuni quando si tratta di porre rimedio a problemi e malattie della bocca. Dai canali radicolari agli interventi all'ATM, i pazienti spesso si aspettano un approccio chirurgico quando devono affrontare condizioni gravi. Ma mentre i dentisti perfezionano queste procedure, un'altra ideologia sta guadagnando terreno e popolarità: l'odontoiatria minimamente invasiva (MID).

Argomento

Secondo l'abstract di Dan Ericson del 2004, "l'odontoiatria minimamente invasiva è l'applicazione di "un rispetto sistematico per il tessuto originale"". Ad esempio, "la conservazione, preferibilmente prevenendo l'insorgere della malattia e intercettandone il progresso, ma anche la rimozione e la sostituzione con la minor perdita di tessuto possibile".

L'odontoiatria minimamente invasiva sta emergendo come la nuova norma per l'approccio procedurale nella professione odontoiatrica in tutti i suoi campi, dall'odontoiatria restaurativa all'endodonzia fino alla parodontologia, in quanto preserva i tessuti naturali per un periodo di tempo più lungo (anche se un approccio più invasivo può essere necessario in una fase successiva), garantendo al contempo un rischio minore per il paziente e la salute a lungo termine della bocca.

Odontoiatria minimamente invasiva in odontoiatria restaurativa

Quando si pensa alla MID, spesso la si associa direttamente a misure di gestione della carie dentale: metodi preventivi come la fluorizzazione dell'acqua o campagne per mangiare meno zucchero/bevere meno bibite gassate a livello di comunità, ma anche misure curative come la riparazione dei restauri piuttosto che la loro sostituzione a livello di paziente (Frencken et al., 2012). Quest'ultimo aspetto è legato ai progressi delle tecnologie adesive e allo sviluppo di nuovi biomateriali negli ultimi decenni, che hanno permesso di ottenere esiti e prognosi prevedibili.

"In passato, lo standard era aspettare che la lesione fosse abbastanza grande da meritare di essere perforata", ha affermato il professor Jin-Ho Phark dell'USC. "Con la nuova tecnica, possiamo bloccare la cavità in una fase precoce ed evitare che si rompa e necessiti di un'otturazione in un secondo momento". 

Secondo Ericson, "l'introduzione di tecnologie adesive prevedibili ha portato a un enorme salto di interesse nell'odontoiatria minimamente invasiva. Questo concetto colma il tradizionale divario tra prevenzione e procedure chirurgiche".

In effetti, come indicato nella dichiarazione di politica 2020 della FDI World Dental Federation, i restauri difettosi esistenti dovrebbero essere valutati per una riparazione minima della loro parte difettosa, piuttosto che per la loro completa rimozione e sostituzione, che potrebbe portare a una maggiore rimozione dei tessuti sani durante la preparazione della cavità, compromettendo eventualmente anche la vitalità del dente. Oltre a rallentare il ciclo di restauro nella vita di un dente, la riparazione può anche consentire un trattamento meno costoso.

Naturalmente, non tutti i restauri possono essere riparati e l'odontoiatria restaurativa minimamente invasiva deve essere valutata caso per caso.

Odontoiatria minimamente invasiva in parodontologia

Ma poiché la MID è una filosofia volta a salvare i denti e a mantenerli sani e funzionali nella bocca del paziente il più a lungo possibile, è applicabile a tutti gli altri campi dell'odontoiatria, come la parodontologia, come evocato in un rapporto di un gruppo di lavoro della FDI (Frencken et al., 2012).

"L'odontoiatria minimamente invasiva è legata a tutte le fasi del trattamento parodontale, dall'inizio, la fase di prevenzione, fino alle fasi finali. Essere minimamente invasivi significa capire i problemi parodontali e risolverli prendendosi il tempo necessario di cui la biologia ha bisogno, salvando i denti e i tessuti naturali applicando terapie personalizzate il meno aggressive possibile", afferma il dottor Giulio Rasperini, specializzato in chirurgia parodontale.  

In effetti, poiché la MID comprende anche l'applicazione di metodi preventivi prima che si verifichino danni maggiori, l'approccio è intrinsecamente preventivo, prima che curativo. Prevenire l'insorgenza, l'aggravamento o la ripresa delle malattie parodontali con un adeguato regime di igiene orale per rimuovere la placca consente di evitare ulteriori fasi di trattamento.

Ma quando è necessaria la fase di trattamento, il dottor Rasperini comprende anche il MID in parodontologia "diagnosticando il fenotipo del tessuto e selezionando i metodi e gli strumenti adeguati per la rimozione del biofilm e del tartaro". In caso di fenotipo sottile o medio dobbiamo evitare tecniche e strumenti che causino un restringimento dei tessuti, cercando di utilizzare il più possibile un approccio flapless, rigenerare l'attacco interdentale quando perso considerando anche i tessuti molli, ridurre il numero di interventi e coprire le recessioni gengivali".

Studi recenti dimostrano che un approccio minimamente invasivo in indicazioni in cui un approccio chirurgico potrebbe essere altrimenti standard è anche valutato.

Nibali et al. hanno pubblicato nel 2019 un articolo che analizza l'efficacia clinica e la potenziale applicabilità di un approccio mini-invasivo non chirurgico rispetto a quello chirurgico per il trattamento dei difetti intraossei parodontali.

Detto questo, meno invasivo non significa non invasivo. Come dice il Dr. Rasperini: "A volte l'approccio meno invasivo può essere comunque [un] approccio invasivo e essere minimamente invasivi non significa necessariamente fare piccoli lembi".

Per quanto riguarda l'odontoiatria restaurativa, i più recenti progressi nelle tecniche chirurgiche e nei biomateriali hanno certamente permesso di rendere sempre più minimale la parodontologia. Secondo il Dr. Rasperini, i progressi o le innovazioni recenti più critici sono le terapie parodontali senza lembi che aiutano le tasche a guarire completamente, con un tempo di guarigione adeguato. Egli evoca anche lo sviluppo di fattori di crescita che possono essere applicati senza lembi o con un intervento chirurgico minimo. Sebbene la correzione dei tessuti molli richieda ancora interventi chirurgici più estesi, lo sviluppo di sostituti ossei e di tessuti molli ha ridotto la necessità di prelevare innesti autogeni e questo ha rappresentato un grande miglioramento in termini di invasività, riconosce.

Meno invasivo non significa meno efficace

Nel complesso, l'odontoiatria minimamente invasiva può essere applicata non solo a diversi campi dell'odontoiatria, ma anche a diversi livelli all'interno di un campo.

In ogni caso, meno invasiva non significa certo meno efficace, poiché può persistere lo stigma che le procedure non invasive (o minimamente invasive) equivalgano a risultati parziali. 

Il Dr. Rasperini afferma: "Minimamente invasivo non significa accettare risultati clinici parziali. Significa salvare tutti i possibili tessuti naturali (denti, osso e gengiva) per renderli prima sani, e ripararli e rigenerarli quando vengono persi. Utilizzando l'approccio meno invasivo si può ottenere un aspetto estetico eccellente [che è] mantenibile nel tempo". 

In altre parole, le cure minimamente invasive rientrano in un approccio odontoiatrico olistico. La cura e la conservazione dei tessuti duri e molli, anziché la loro rimozione e sostituzione, mantengono l'integrità naturale della salute orale del paziente.

Benefici dell'odontoiatria minimamente invasiva per pazienti e dentisti

Meno invasivo significa generalmente nessun danno o meno ai tessuti naturali esistenti, il che significa maggiore risparmio e conservazione delle strutture naturali.  

Meno invasiva significa anche una guarigione più facile e più rapida, che equivale a un minore sforzo e trauma per il corpo del paziente per il recupero. Ecco perché la minima invasività è fondamentale e vantaggiosa per il paziente. 

Inoltre, le procedure meno invasive sono spesso più efficienti dal punto di vista dei costi.

Possono anche contribuire a ridurre l'ansia del paziente quando si reca dal dentista; potendo scegliere tra trapani, aghi, sedazione e altre tecniche invasive e un approccio meno invasivo e più olistico, i pazienti sono più propensi a optare per il secondo. Un approccio naturale e olistico è più facile da gestire rispetto allo stress e all'ansia che si provano con gli approcci invasivi.

Il dottor Rasperini ci ricorda che "il vantaggio per i pazienti è la possibilità di avere un sorriso sano dopo un trattamento il meno invasivo possibile, a un costo ragionevole. Avere pazienti felici è la chiave del successo, e loro lo comunicheranno a voi". 

Reciprocamente, quindi, "la soddisfazione per il professionista consiste nell'aver fornito al paziente il miglior trattamento possibile, danneggiandolo il meno possibile", aggiunge. 

La natura preventiva dell'odontoiatria minimamente invasiva aiuta inoltre i pazienti a impegnarsi costantemente in un percorso di prevenzione vigile. Si prendono cura dei loro denti e delle loro gengive. Questa routine porta benefici non solo ai pazienti che soffrono di una patologia, ma anche alla salute orale in generale nel lungo periodo.

Formazione di pazienti e dentisti su MID

Questo concetto può sembrare estraneo ai pazienti che si aspettano (o addirittura richiedono) procedure tradizionali. A volte si può incontrare qualche paziente che è irremovibile nel preferire una sostituzione a qualcosa di minimamente invasivo. Secondo Ericson, nella sua discussione sull'odontoiatria preventiva, "i pazienti e i terzi sembrano essere convinti che le uniche cose che contano sono le sostituzioni. In altre parole, sono disposti a pagare per un'otturazione ma non per una procedura che può aiutare a evitare di averne una".

Allo stesso modo, alcuni potrebbero immaginare di aver bisogno di un impianto dentale mentre una procedura per salvare il dente, anche se parodontalmente compromesso, potrebbe essere possibile.

I professionisti del settore dentale dovrebbero considerare questa opportunità come un'occasione per informare i pazienti sugli approcci meno invasivi e sui loro vantaggi. Questi possono includere l'efficienza dei costi, la riduzione dei rischi e dei tempi di recupero, oltre a benefici specifici per il paziente a seconda della situazione. 

Reciprocamente, dal punto di vista professionale, i dentisti devono tenersi aggiornati sugli ultimi progressi tecnologici e sulle nuove evidenze del settore. L'odontoiatria cambia molto rapidamente, come conferma il dottor Rasperini.

L'educazione dei pazienti e dei professionisti continuerà a incoraggiare l'uso e la pratica dell'odontoiatria minimamente invasiva.

Considerazioni finali

I professionisti dell'odontoiatria possono prendere l'iniziativa di incoraggiare l'emergere dell'odontoiatria minimamente invasiva come nuova forma di cura preventiva, informando i loro pazienti dei benefici. A tal fine, i dentisti stessi dovrebbero conoscere le opzioni meno invasive per il trattamento di condizioni specifiche.  

Mantenendo i denti e i tessuti naturali nelle procedure minimamente invasive ogni volta che è possibile, i professionisti del settore dentale possono garantire una visita più economica e meno invasiva per i loro pazienti, cosa che sicuramente non dimenticheranno.  

I progressi della tecnologia e dei metodi, ma anche i cambiamenti di mentalità, del dentista e del paziente, rientrano nell'ambito dell'odontoiatria minimamente invasiva e consentono ai professionisti del settore di ampliare le opzioni di trattamento dei loro pazienti.