mar 16, 2022 - minuto di letturaminuti di lettura

Gengivite da gravidanza Cause e fatti: tenere informati i pazienti

La gengivite in gravidanza è un argomento che comprensibilmente suscita molte domande e preoccupazioni da parte dei pazienti odontoiatrici.

Argomento

In un periodo in cui il corpo subisce molti cambiamenti e le future mamme sono estremamente attente alla salute propria e del bambino, qualsiasi segno di disturbo può far scattare l'allarme.

L'aumento dell'infiammazione gengivale e dei problemi di gengivite sottostanti durante la gravidanza non è un mito. I dentisti sanno che la gengivite in gravidanza è un fenomeno reale. Ma in genere non è così preoccupante come potrebbero pensare le pazienti che accusano questi sintomi, a patto che capiscano con cosa hanno a che fare e come gestire al meglio la situazione.

In qualità di dentista, potete fornire una voce rassicurante e una mano guida.

Cos'è la gengivite in gravidanza?

La gengivite gravidica si riferisce alla condizione specifica in cui l'infiammazione della gengiva è chiaramente legata alla gravidanza della donna. Come nel caso della gengivite "classica", l'aumento del sanguinamento è uno dei sintomi principali di questa condizione. La gengivite gravidica spesso si manifesta alla fine del primo trimestre e raggiunge l'apice all'ottavo mese, per poi scomparire poco dopo il parto.


Sebbene la gengivite - un precursore della malattia parodontale - possa colpire chiunque in qualsiasi momento, il termine "gengivite in gravidanza" si distingue perché le sue cause e considerazioni circostanziali sono più sfumate rispetto ai casi generali di gengivite e infiammazione gengivale.

Il fatto più importante che i pazienti devono sapere è che la gengivite in gravidanza non è affatto rara. Le ricerche suggeriscono che questa condizione colpisce tra il 60 e il 75% delle donne in gravidanza, il che significa che è più probabile che una futura madre ne soffra.

Allo stesso tempo, esiste una diffusa mancanza di consapevolezza riguardo alla gengivite in gravidanza. Da un questionario del 2019 è emerso che "la maggior parte delle donne incinte non è a conoscenza dello sviluppo della gengivite gravidica, né delle cause, degli effetti, del trattamento e delle misure preventive per la stessa".

Per questo motivo è ancora più importante che gli operatori siano dotati di informazioni credibili sulle cause, i problemi e le raccomandazioni.

Cause di gengivite in gravidanza

Come è noto, durante la gravidanza si verificano numerosi cambiamenti nell'organismo. Tra questi vi è un forte aumento degli ormoni (in particolare progesterone ed estrogeni).

Si ritiene che questi cambiamenti ormonali siano la causa principale della gengivite gravidica, in quanto aggravano notevolmente una malattia che esisteva già prima della gravidanza. È quindi importante notare che la gravidanza di per sé non causa la gengivite. L'aumento dell'infiammazione osservato nella gengivite gravidica può verificarsi anche in pazienti che non presentano un aumento della massa di biofilm dentale.

Tuttavia, i meccanismi alla base di questo fenomeno non sono del tutto chiari. Una delle spiegazioni potrebbe essere che la risposta immunitaria materna cambia durante la gravidanza, rendendole più vulnerabili alla risposta infiammatoria dell'ospite alla sfida batterica del biofilm dentale. Ad esempio, stimola la produzione di citochine coinvolte nella risposta infiammatoria (come le prostaglandine).

Altre prove indicano un cambiamento del microbioma orale, causato dai cambiamenti ormonali.

Qualunque siano le cause, ci sono tre cose da suggerire ai pazienti che soffrono di gengivite da gravidanza:

  • Non è necessariamente un segno di scarsa cura del cavo orale.
  • Non è un segno che qualcosa non va nella gravidanza.
  • Non è un motivo di panico, perché si tratta di un sottoprodotto naturale di processi complessi del corpo umano.

Tuttavia, i professionisti del settore dentale possono utilizzare questa condizione come una chiamata all'azione, creando un'ulteriore urgenza nella guida allo sviluppo di eccellenti rituali di cura orale a casa. L'ideale è che queste abitudini rimangano inalterate anche dopo l'arrivo di un bambino sano.

Prevenire la gengivite ina gravidanza

Le misure per prevenire e combattere la gengivite in gravidanza sono in gran parte le stesse di quelle per prevenire i problemi di salute orale in generale. Tuttavia, esse assumono un'importanza maggiore in questo periodo cruciale di cambiamento corporeo.

Se si scopre che una paziente è incinta, può essere utile illustrarle le cause e i sintomi della gengivite gravidica, definendo un piano chiaro di prevenzione e gestione. Questo potrebbe includere:

  • Impegno a seguire i rituali di igiene orale a casa. Spazzolare due volte al giorno e praticare regolarmente la pulizia interdentale. Se la paziente è già affetta da infiammazione e dolore, è consigliabile aiutarla a trovare uno spazzolino extra-morbido, mostrandole tecniche delicate.
  • Seguire una dieta sana. Molte future mamme fanno già molta attenzione a ciò che mangiano e bevono, sapendo che non riguarda solo loro. In qualità di dentista, potete aiutarle a orientarsi verso opzioni favorevoli per i denti, come frutta, verdura, cereali e latticini, e a ridurre al minimo l'assunzione di zuccheri, amidi e acidi.
  • Fare una visita extra dal dentista. Sebbene le visite di pulizia e di controllo siano generalmente consigliate una volta ogni sei mesi circa, potrebbe valere la pena di consigliare a una donna incinta preoccupata per la gengivite di recarsi dal dentista una volta in più durante i nove mesi di gravidanza, per maggiore tranquillità. Potrete esaminare le gengive, riorganizzare il piano di prevenzione e offrire rassicurazioni. Per evitare inutili allarmismi o pressioni, inquadrate la situazione come del tutto facoltativa per la paziente.

Un'altra abitudine comune alle donne in gravidanza che soffrono di gengivite è quella di scuotere abitualmente l'acqua salata in bocca per alcuni secondi e poi sputarla. Il sale marino può contribuire a ridurre l'infiammazione e a promuovere la guarigione.

Inoltre, alle donne che soffrono di nausea e vomito a causa delle nausee mattutine, consigliamo di aspettare almeno 30 minuti dopo aver vomitato prima di lavarsi i denti, poiché il contenuto acido del vomito può combinarsi con gli abrasivi del dentifricio e danneggiare lo smalto.

Infine, se una donna incinta soffre di gengivite gravidica o, peggio ancora, di parodontite, è bene sapere che il trattamento parodontale è sicuro ed efficace. Le ricerche dimostrano che, grazie alla profilassi dentale e alle istruzioni di igiene orale di follow-up, è possibile migliorare tutte le misurazioni cliniche rilevanti, come gli indici di sanguinamento e di placca, la profondità delle tasche di sondaggio e la perdita di attacco clinico.

Gravidanza e salute orale: più consigli e risorse

Poiché la gravidanza è un periodo in cui le persone tendono a concentrarsi intensamente sulla propria salute e durante il quale la salute orale emerge naturalmente come un problema più importante, è un momento chiave per consolidare le routine e i rituali per la salute di denti e gengive per tutta la vita. 

Per ulteriori informazioni sulla gravidanza e sulle considerazioni relative alla salute orale, ecco alcune letture e visualizzazioni consigliate:

La nostra pagina Gravidanza e salute orale contiene informazioni e consigli relativi alla gengivite in gravidanza e ad altri problemi meno comuni che possono emergere, come il granuloma gravidico e l'erosione dei denti.

Imparare a conoscere il legame con le gengive e a capire come la salute della bocca abbia un impatto sostanziale sulla salute dell'organismo può aiutare le donne in gravidanza a dare ancora più importanza alla loro cura a casa.

Il webinar, visibile qui (o qui sotto), prevede una tavola rotonda di 50 minuti con la Dott.ssa Mia Geisinger e il Prof. Dott. Phoebus Madianos, che condividono le loro conoscenze e competenze su una serie di argomenti, tra cui l'influenza della gravidanza sulla salute orale, le implicazioni parodontali e il trattamento durante la gravidanza, la collaborazione tra i professionisti del settore odontoiatrico e l'équipe perinatale e altro ancora.


"Il cambiamento di comportamento positivo durante la gravidanza è un'opportunità cruciale", ha affermato il Dr. Geisinger durante il webinar.

"La gravidanza è stata identificata come un momento in cui le donne sono più propense ad apportare cambiamenti comportamentali positivi, in particolare quelli che andranno a beneficio del feto".

E aggiunge: "Se riusciamo a dedicare del tempo a consigliare le nostre pazienti sui benefici, in particolare, di un'igiene orale autonoma... questo potrebbe avere un effetto per tutta la vita".

Adottate una prospettiva positiva, evidenziate questi benefici e utilizzate la gengivite gravidica come un'opportunità per educare e motivare i vostri pazienti.