Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Internazionale
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Francia
  • Spagna
  • Svezia
  • Polonia

Malattia gengivale e cardiopatia

Da tempo alcuni studi chiave evidenziano uno stretto legame tra cardiopatia e malattia parodontale. Identificare altri potenziali fattori di rischio nei pazienti può fornire un approccio più olistico all'igiene del cavo orale.

Lore ipsum

"La salute orale come diritto umano fondamentale e parte integrante della salute e del benessere generale"

(FDI, World Dental Foundation)

Da tempo, negli studi chiave la cardiopatia viene associata alla malattia parodontale, insieme ad altre patologie quali il diabete, l'ipertensione e gli esiti avversi della gravidanza.

Questi collegamenti sono utili per identificare i potenziali fattori di rischio nei pazienti e fornire un approccio più olistico all'igiene del cavo orale.

Evidenze scientifiche

  • Le infezioni croniche, come la malattia parodontale, sono associate a un maggiore rischio di cardiopatia. La prevalenza delle cardiopatie è più alta nelle persone con malattia parodontale che presentano anche elevati livelli di proteina C-reattiva (CRP).
  • Gli studi suggeriscono che la malattia parodontale sia un fattore di rischio per i pazienti affetti da cardiopatie che presentano una reazione sistemica infiammatoria e immunologica di risposta all'infezione.
  • La parodontite provoca l'ingresso di batteri nel flusso sanguigno. I batteri attivano la dell'ospite sotto forma di cardiopatia mediante diversi meccanismi. Diversi modelli animali hanno dimostrato che la risposta infiammatoria dell'ospite favorisce la formazione, la maturazione e l'esacerbazione dell'ateroma. 
  • Sebbene sia importante essere consapevoli del collegamento, non ci sono studi clinici che hanno dimostrato un'associazione causale tra infezioni parodontali e cardiopatie. La ricerca continua in quest'area e, nel frattempo, la diagnosi precoce della malattia e l'identificazione precoce dei fattori di rischio rimangono un approccio proattivo che può essere adottato da tutti i professionisti sanitari.

Cosa possono fare gli odontoiatri?

La Federazione Europea di Parodontologia (EFP, European Federation of Periodontology) ha elaborato le linee guida per i professionisti della salute orale nella gestione delle malattie parodontali in relazione alle condizioni sistemiche. I consigli di questa Federazione riguardo alle cardiopatie e al ruolo dell'odontoiatra sono riassunti qui:

Utilizziamo i cookie per essere certi di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito Web. A tale scopo, ricordiamo e memorizziamo le informazioni su come lo utilizzi. Questa operazione viene eseguita utilizzando semplici file di testo chiamati cookie che risiedono sul tuo computer. Chiudendo questo messaggio o navigando a una pagina diversa all'interno di questo sito Web, accetti i nostri cookie su questo dispositivo in conformità con la nostra politica sui cookie a meno che non li abbia disabilitati.

Per saperne di più